Emanuela Candia

Emanuela Candia

CERIMONIERA LIONS CLUB SCHIO  2016/2017   2017/2018

OFFICER DISTRETTUALE KAIROS      2016/2017    2017/2018

OFFICER DISTRETTUALE KAIROS 2018/2019

Venerdi 17 maggio al Teatro Astra di Schio si è concluso il ciclo di 4 incontri aperti alla cittadinanza organizzati dal Lions Club Schio con la presidenza di Carlo Eugenio Ferrari. Diabete, oncologia, disturbi del comportamento alimentare sono stati gli argomenti dei primi tre incontri. L’incontro finale ha avuto come prestigioso protagonista il professor Federico Faggin, l’inventore del microchip.

Sabato 11 maggio a Villa Godi Malinverni a Lugo di Vicenza, in occasione della 56° Charter Night del Lions Club Schio, si è svolta la cerimonia di conferma del gemellaggio fra il Lions Club Schio ed il Lions Club Marsala, gemellaggio che aveva visto la cerimonia di andata a Marsala il 2 febbraio scorso.

Martedì, 26 Febbraio 2019 11:02

LC Schio: incontri aperti alla cittadinanza

Il Lions Club Schio, con il patrocinio del Comune di Schio, organizza 4 incontri aperti alla cittadinanza per sensibilizzare ed informare su temi di grande interesse ed attualità.

Mercoledì 13 marzo. Emergenza diabete: come prevenirlo

Mercoledì 10 aprile. Attualità in oncologia

Mercoledì 8 maggio. Ti amo da scomparire: il disturbo del comportamento alimentare in famiglia

Venerdì 17 maggio. Differenza tra intelligenza artificiale e intelligenza umana: il mistero della coscienza

RELATORI E LOCATION NEL VOLANTINO ALLEGATO.

Venerdì, 08 Febbraio 2019 15:16

LC Schio e LC Marsala si gemellano

Il primo weekend di febbraio una rappresentanza di 21 persone del Lions Club Schio ha raggiunto la splendida Sicilia per partecipare alla 60ma Charter del Lions Club Marsala che si è svolta nella serata di sabato 2 febbraio.

“Natale insieme” service che il Lions Club Schio realizza da 31 anni, ha avuto grande successo anche quest’anno.

 Domenica 15 dicembre, come ogni anno soci e consorti del club hanno indossato il loro grembiule Lions e hanno servito il pranzo a circa 150 anziani di Schio, rispondendo al motto” We serve”.

È stata una bellissima giornata ed un’occasione di ritrovo, festa e solidarietà che i nostri anziani hanno vissuto in allegria e che ha rafforzato fra tutti uno spirito di amicizia fondamentale per la riuscita dei services presenti e futuri. 

Oltre agli ospiti erano presenti all’evento il governatore del nostro Distretto Lions 108Ta1 Davide D’Eliseo, l’assessore al sociale Cristina Marigo, il parroco di Schio Don Mariano Ronconi e il presedente della Croce Rossa di Schio, Walter Gualtiero Bortoloso.

Siamo arrivati quasi al giro di boa dell’annata lionistica 2018 2019 con presidenza di  Carlo Eugenio Ferrari e, facendo un consuntivo delle attività  svolte finora dal Lions Club Schio , il Presidente afferma di sentirsi  soddisfatto ed orgoglioso del club che ha dimostrato di saper sempre interpretare nella giusta maniera il  motto lionistico ”We serve”. 

Avendo a cuore la comunità scledense, sono molti i services che, in quest’annata il Lions Club Schio dedica ad essa: la prevenzione del diabete con la misurazione gratuita della glicemia e la diffusione di volantini con il corretto stile di vita, la sensibilizzazione alla  prevenzione dei tumori giovanili e della cura dell’ambiente con incontri rivolti ai ragazzi delle scuole superiori, l’attenzione verso l’accettazione della diversità ( Progetto Kairos) nelle scuole di ogni ordine e grado, la diagnosi precoce dell’ambliopia e dei problemi della vista ( Sight for Kids), con lo screening visivo a circa 500 bimbi delle scuole materne di Schio.

I services continueranno nella seconda parte dell’anno e comprenderanno la distribuzione di generi alimentari di prima necessità alle famiglie bisognose di Schio ed un evento sportivo il cui ricavato verrà destinato ad un reparto di oncologia pediatrica.

Il Lions club Schio, inoltre, sarà accanto all’amministrazione comunale con un contributo per la realizzazione del Parco inclusivo a Magre.

Sono, inoltre, in programma nella primavera prossima, degli incontri aperti alla cittadinanza su vari temi(diabete, vista,oncologia, anoressia etc)

 

Lunedì, 26 Novembre 2018 02:17

SIGHT FOR KIDS: AMBLIOPIA

 

 

 

 

 

Il Lions Club Schio, per il secondo anno consecutivo, ha voluto essere parte attiva nella prevenzione e diagnosi precoce dell’ambliopia che è l’obbiettivo del service nazionale 2017/ 2018 “Sight for kids”

L'ambliopia, conosciuta anche come "occhio pigro", è una condizione che interessa il 4% della popolazione mondiale ed è caratterizzata da una riduzione più o meno marcata della capacità visiva di un occhio o, più raramente, di entrambi.

Allo stato delle conoscenze attuali può essere trattata con possibilità di successo più o meno completo solo entro i primi 5  o 6 anni di vita

Con queste direttive il Presidente del Lions Club Schio, Carlo Eugenio Ferrari, assieme al GST di club Luciano De Zen, hanno incontrato,in ottobre, i dirigenti di tutte le scuole materne parificate di Schio per far loro conoscere il problema , in modo che potessero chiedere l’autorizzazione a procedere allo screening visivo ai genitori, secondo le nuove direttive della privacy.

Ottenuto il permesso, per 6 mattine, fra il 5 ed il 23 novembre sono state effettuate visite di screening a 497 bambini delle scuole materne   parificate di Schio.

Le scuole materne coinvolte sono state: Scuola materna San Giorgio, Scuola materna Sacro Cuore, Scuola materna Maddalena di Canossa, Scuola Cuore Immacolato di Maria, Scuola materna Maria Immacolata, Scuola materna San Domenico Savio.

Tre sono stati i professionisti coinvolti che hanno dato la loro disponibilità per questo importante service: i due medici oculisti Dott. Dalle Vedove Federico e Dott. Carli Michele e la presidente nazionale degli ortottisti Dott.sa Dilva Drago.

Come strumentazione è stato utilizzato un autorefrattometro   portatile binoculare (fornito dal nostro distretto) di grande precisione e velocità di rilevazione, oltre che la classica tavola ottotipica per bambini che, in combinazione, possono mettere in evidenza il sospetto di un difetto visivo.

I bambini sottoposti a screening sono stati 496 di età compresa fra i 36 e 72 mesi ed è stata evidenziata una percentuale di positività di circa il 40%.

Chiaramente questo è un dato che, non evidenzia necessariamente un problema effettivo, ma semplicemente la necessità di un opportuno approfondimento con una visita oculistica.

I risultati sono stati consegnati, poi, ai genitori nel rispetto delle normative vigenti sulla privacy

Il dato rilevato dimostra la valenza del service “Sight for Kids”. Sottolinea, infatti, l'importanza dello screening della vista nei minori, perché tra i cinque sensi la vista è quello che fornisce più informazioni al cervello, pari all'80% circa. Prendersene cura fin da piccoli significa poter preservare un aspetto fondamentale della qualità della vita.

Il presidente del Lions Club Schio, Carlo Eugenio Ferrari, ha poi previsto per il mese di febbraio 2019 un incontro fra i tre professionisti coinvolti ed i genitori dei bambini in modo da dare loro maggiori informazioni sull’ambliopia e sui difetti visivi.

Visto il successo  del service, il proposito del Lions Club Schio per l’anno prossimo è effettuare lo screening sui bambini delle restanti scuole materne

Il mercatino libri usati “Un libro tira l’altro”, organizzato dal Lions Club Schio, ha raggiunto anche quest’anno il suo obbiettivo. Questa iniziativa organizzata durante i due giorni della “Montagna in città”, sabato 20 e domenica 21 ottobre ha attirato appassionati di lettura che hanno scambiato ed acquistato numerosi volumi di vario genere, messi a disposizione dai soci e simpatizzanti del Lions Club Schio.

Mercoledì 3 ottobre abbiamo organizzato a Rovereto una serata in amicizia fra tutti i referenti Kairos di tutte le zone del Distretto 108Ta1 con la partecipazione di Erasmo Gastaldello. È stata una serata in cui abbiamo condiviso le nostre esperienze, esposto i problemi che si incontrano, valutato le tattiche da adottare per diffondere sempre più questo grande Service. 

È stata una serata fra Lions,ma, soprattutto fra amici che condividono degli obbiettivi comuni e che hanno nel loro cuore un progetto unico ed un sogno da realizzare. 

La parola Kairos racchiude in se il significato di questo service: “momento giusto,momento opportuno” ed è questo che noi Lions Kairos vogliamo trasmettere. 

È questo il momento per agire, per abbattere le barriere, i pregiudizi verso la diversità in tutti i sensi.

È stata una serata all’insegna della reciproca conoscenza dell’amicizia, fondamentale per lavorare insieme con un unico obbiettivo e meta finale.

L’incontro è stato arricchito di valore dalla presenza di Erasmo Gastaldello, ideatore di questo grande Progetto, che per motivi personali ha scelto di uscire dalla nostra Associazione.

Voglio porgere anche qui  un enorme ringraziamento ad Erasmo che nella sua semplicità mi ha insegnato cosa significa veramente ”Essere Lions” nell’anima e nel cuore.

Ha creato un progetto unico, di enorme rilevanza sociale che, pur essendo nato nel Distretto 108Ta1, sta arrivando in tutta Italia e sta diventando un fiore all’occhiello del nostro Distretto. Un progetto come il Progetto Kairos non ha e non deve avere confini di distretti e clubs.

Erasmo è stato, è e rimarrà sempre il mio punto di riferimento.

Ringrazio tutti i referenti kairos del Distretto (Dario, Elda, Enrico, Loredana, Andrea, Laura, Maurizio, Luciano)e tutti gli amici kairosiani  che lavorano dietro le quinte per quello che hanno dato al Kairos negli anni scorsi, per quello che stanno dando nel presente e per quello che  tutti assieme in squadra riusciremo a fare assieme in futuro.  ... 

Solo con un lavoro di squadra possiamo raggiungere grandi risultati e rendere realtà un sogno.

Ed Erasmo ci sarà sempre (magari dietro le quinte), ma controllerà sempre come evolve la sua creatura.

Ora abbiamo una grande responsabilità: mantenere, anzi aumentare sempre più la diffusione di questo meraviglioso progetto.

Sono certa che le nostre menti ed i nostri cuori uniti sapranno trovare le giuste strategie per coinvolgere sempre più scuole e sempre più clubs.

FORZA KAIROS!!

 

Il progetto Lions “Kairós” , come obiettivo primario, si è prefisso di riuscire a migliorare l’integrazione scolastica e, quindi, anche sociale degli studenti che per inconsapevolezza, timori e pregiudizi, troppo spesso vengono considerati “diversi” da i “presunti normodotati”, finendo con il privarli persino della loro dignità umana. Kairós , un progetto CULTURALE rivolto a TUTTI , si è basato su un innovativo concetto di “INTEGRAZIONE AL CONTRARIO” e  un “PENSARE SPECIALE”.

Mercoledì, 18 Aprile 2018 10:46

Progetto Martina a Rovereto

Il Progetto Martina è un service Lions il cui obiettivo è quello di informare agli studenti di età compresa tra i 16 ed i 18 anni:

-sulla possibilità di evitare alcuni tumori seguendo alimentazione e stili di vita corretti,

-sugli accorgimenti da mettere in atto per scoprire in tempo utile i eventuali tumori

-sulla necessità di impegnarsi in prima persona.

La metodologia di comunicazione, utilizzata da medici esperti e formati, si basa sul convincimento che la lotta ai tumori non si vince terrorizzando o vietando ma con la cultura, unico strumento che può garantire il necessario e duraturo impegno personale sulla base di scelte consapevoli.

Agli studenti viene consegnato un pieghevole a colori con la sintesi delle informazioni ricevute, promemoria per i giovani e documento utile anche per i loro familiari

I contenuti degli incontri, supportati da immagini, sono preparati da un comitato scientifico pluridisciplinare nazionale e sono continuamente aggiornati e inseriti nel sito in modo che sia garantita anche luniformità di informazioni su tutto il territorio nazionale.

Sulla base delle attuali conoscenze è possibile stimare che questi giovani, grazie alle informazioni ricevute al momento giusto e nel modo giusto, avranno una riduzione di rischio di contrarre un tumore, nellarco della loro vita, del 30-50%.

Il Progetto Martina è diventato un appuntamento fisso anche per alcune scuole di Rovereto: l’istituto don Milani e l’istituto Fontana dove da qualche anno si ripetono gli incontri con il dr Carlo Eugenio Ferrari, coordinatore distrettuale del Progetto Martina per il Distretto LIONS 108Ta1, e con il dr Francesco Valduga oncologo e sindaco di Rovereto.

Gli studenti compilano un questionario sia al termine dellincontro sia dopo un anno”.

I risultati dei test compilati un anno dopo dall'incontro sono finora in linea con i risultati nazionali:

- RIDUZIONE/ELIMINAZIONE FUMO   44 %

- ALIMENTAZIONE PIÙ CORRETTA ​   56 %

- INIZIO ATTIVITÀ FISICA ​   66 %

Sicuramente questo Service LIONS sara’ portato anche in altre scuole di Rovereto.

Carlo Eugenio Ferrari( coordinatore Progetto Martina Distretto 108 Ta1)

Pagina 1 di 3
© 2018 Lions Clubs International - Distretto 108Ta1. All Rights Reserved. Designed By moovioole.srl.