Giovedì, 23 Luglio 2015 01:41

Lions Network For Free Work

Scritto da Marco Mariotti

Anche i meno esperti di computer usano o sanno dell’esistenza di quei software sociali (Social Network) e di altre strumentazioni che permettono di condividere foto (Facebook), filmati (Youtube), messaggini (Twitter), posti di lavoro (LinkedIn), una chiaccherata (Skype) e molto altro. Li usiamo non solo sui PC ma anche su telefonini e tablet. I progressi dell’informatica e della trasmissione dati veloce, collegati con l’abbassamento dei costi, rendono il concetto di “vicino” sempre più ampio: facciamo parte di gruppi sempre più estesi. Chi possiamo, ormai, definire il nostro “prossimo”?

Su un altro piano sociale, viviamo in tempi nei quali l’etica, l’economia e la finanza mostrano alcuni loro profondi limiti: scandali, crisi, recessione, disoccupazione, insolvenze bancarie e nazionali. Eppure la maggioranza delle persone, quelle per bene, si impegna ogni giorno, denota una vitalità partecipativa, possiede competenze, voglia di fare, valori umani di condivisione ed impegno sociale. Giuseppe De Rita, nella presentazione del 48° Rapporto sulla situazione sociale del paese del dicembre 2014, ha parlato di una grande quantità di “capitale inagito”, ossia di potenziali risorse di ogni tipo, culturali, morali, lavorative, monetarie che, non trovando modo di essere utilizzate appieno, restano dormienti, inutilizzate.
E’ forse venuto il momento di realizzare, in grande, un Social Network nuovo, a fianco di quelli prima citati, per facilitare l’incontro fra l’offerta e la domanda di volontariato?
Se lo puoi immaginare, allora lo puoi fare! Immagina quindi che esista una "banca dati elettronica", gestita dai Lions e accessibile via Internet, contenente le competenze di ciascun Socio, che lui stesso ha dichiarato possedere e che sarebbe ben disponibile, anzi orgoglioso, di mettere a disposizione di altri Lions, volontariamente e gratuitamente.
Immagina che sia possibile (con le dovute autorizzazioni) interrogare tale banca dati per ottenere l’elenco di quanti possiedono una specifica competenza (un sapere, un saper fare, intellettuale o manuale). Sarebbe utile? Possiamo realizzarlo!
Due cose i Lions rendono disponibili, con altruismo: quattrini (loro e raccolti da altri) e la disponibilità del propri tempo, ciascuno in base alle proprie attitudini e capacità.
Fra le due, tuttavia, la vera forza delle associazioni come la nostra è costituita dal contributo personale e dall'apporto di ogni singolo Socio! E' il coinvolgimento attivo, nelle sue tre componenti, cuore, testa e mani, lo strumento per fornirgli il senso di appartenenza, renderlo soddisfatto, farlo sentire veramente utile.
Ogni singolo Socio Lions, solo se e quando lo vorrà, potrà inserire, via Internet, una o più competenze che gli sono proprie, e precisare anche la quantità di tempo, approssimata, che pensa di poter dedicare, o le relative modalità (ad esempio, 2 ore ogni giovedì pomeriggio).
Le competenze censite potranno essere usate non solo per la realizzazione dei nostri Service ma anche fra noi, quasi una "banca del tempo", per trovare un amico che ci aiuti, ad esempio, a usare meglio il computer, a fare una traduzione, ci dia un consiglio spassionato su temi che poco conosciamo, e altro.
La giornalista Milena Gabanelli, nella trasmissione di REPORT del 2 dicembre 2012, ha proposto di utilizzare in modo sistematico le competenze degli "over 65", in particolare nelle scuole, per trasmettere i saperi e i saper fare alle nuove generazioni. Con questo progetto LNFFW, noi Lions potremmo dare l'esempio. Puoi rivedere tale servizio dal sito della Rai.
Alcuni Lions italiani si sono già attivati con un censimento di competenze, nell’ambito del Service Nazionale 2014-15 “Help”, tramite il sito della relativa Fondazione. E’ quindi auspicabile trovare comuni sinergie, unire le forze e migliorare tutto il meccanismo, perché molte sono le esigenze ed ancor più le aspettative: Il progetto “Finanza Etica e Microcredito Lions”, ad esempio, necessita di un gran numero di “tutor”, nel mondo Lions e fuori, che si affianchino ed accompagnino i nuovi micro imprenditori con consigli e sostegno, frutto della propria esperienza.
Se vuoi aderire accedi e compila il questionario, con i tuoi dati.
Un apprezzabile sforzo, per mettere in contatto associazioni e cittadini che si interessano di volontariato sul territorio, è costituito anche dal sito Uidu, fondato da Andrea Vanini, che si propone come il «network socialmente utile». Anche in questo caso l’obiettivo è di mettere in relazione le persone impegnate nel sociale e le organizzazioni sul territorio, per settore o area tematica, per città e geoposizionamento, per attività svolta e competenza posseduta.
Con loro e con altri interventi similari potremmo trovare convergenze e sinergie, per concentrare le risorse. Cercheremo di essere, al tempo stesso, realistici ed ambiziosi, partendo con un prototipo a piccola dimensione, ma pensato per poter essere esteso a tutta Italia, ed oltre.
Questa idea, piace? Anche tu, o il tuo Club, volete partecipare in prima persona a questo progetto “LNFFW”? Quali sono le specifiche competenze che possono essere messe a disposizione? Negli anni scorsi ho tentato di portare avanti questo progetto in modo spontaneo ed individuale, senza alcun mandato ufficiale. Ma da soli non si va lontano! Quest’anno il Governatore Valter Rebesan mi ha invitato a costituire un apposito Comitato, tutto da formare. Cerco quindi persone con preparazione sistemistica e/o informatica, psicologi ed esperti di marketing e comunicazione, per creare un software amichevole nell’uso ed accattivante, che faciliti l’adesione e mantenga alta la motivazione nel tempo, gratificando chi ha già compiuto interventi. Per questo chiedo collaborazione a tutti i neo Presidenti. Mi aspetto, dai Soci interessati, solo un SMS al mio cellulare con un semplice “SI”. Mi metterò io in contatto con ciascuno, per raccogliere la sua disponibilità di massima e qualche suggerimento sul come procedere.
Diamo senso al prossimo centenario della nostra Associazione (2017) con questo innovativo progetto, Lions Network For Free Work !
Il mio grazie, fin d'ora. Marco Mariotti (LC VR Cangrande).

Letto 562 volte Ultima modifica il Domenica, 08 Novembre 2015 12:26
Altro in questa categoria: LNFFW - Motivi e contenuti del Progetto »
Devi effettuare il login per inviare commenti

108TA1 Channel

Loading player ...